martedì, Febbraio 27, 2024
HomeUncategorizedIl controllo tecnico delle due ruote rimane poco chiaro

Il controllo tecnico delle due ruote rimane poco chiaro

Previsto per il 1° ottobre, il controllo tecnico dei veicoli a due ruote a motore è stato controverso per più di un anno e alla fine non è stato applicato dopo la decisione del governo di mettere in atto misure alternative.

Tuttavia, il capitolo è tutt’altro che chiuso. Occupato da diverse associazioni ambientaliste, il Consiglio di Stato ha nuovamente richiamato all’ordine l’esecutivo.

Il massimo tribunale amministrativo del Paese chiede quindi l’attuazione di controlli tecnici su moto e scooter secondo le direttive emanate dall’UE nel 2014. Per giustificare la sua decisione, il Consiglio di Stato ha sottolineato che le misure alternative annunciate dal governo non soddisfare i criteri fissati da Bruxelles.

Nessun dettaglio sull’attuazione e sulle condizioni di applicazione

La decisione del Consiglio di Stato non specifica le modalità di attuazione e le condizioni di ricorso alla vigilanza tecnica dei veicoli a due ruote.

Ha solo indicato che l’attuazione di questa misura dipenderà dall’emissione di ordini esecutivi da parte dell’esecutivo. Ha anche ricordato che la sua entrata in vigore dipenderà da “un graduale aumento del carico”.

Con l’aumento del rischio di incidenti con lesioni gravi affrontati dai motociclisti, la manutenzione dei loro veicoli e l’uso di indumenti protettivi dovrebbero essere in cima alla loro lista di priorità.

Inoltre, hai bisogno di un abbonamento di assicurazione moto adatto alle tue esigenze. Per trovare l’offerta che offre la migliore protezione al giusto prezzo, è bene confrontare diverse offerte online prima di fare la propria scelta.

>> CLICCA QUI PER CONFRONTARE L’ASSICURAZIONE MOTO <<

I sostenitori dell’ambiente chiedono al governo di onorare i suoi impegni

A seguito della decisione del Consiglio di Stato, e per evitare ogni ambiguità sul tema, gli ecologisti hanno chiesto al governo di rispettare gli impegni presi.

A Elisabeth Borne, tramite il loro legale, è stata quindi inviata una lettera con la quale si richiedeva l’adozione delle misure necessarie per stabilire il controllo tecnico di moto e scooter.

Va detto che il caso mette in imbarazzo i vertici del Paese, ma hanno sempre saputo dare l’ora all’ora.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Les plus populaires